HashFlare
Tap Gym app game

简体中文EnglishItalianoPortuguêsРусскийEspañol

Peercoin: la prima moneta Proof-of-Stake

Le vere Altcoin sono quelle criptomonete che si discostano di parecchio rispetto alla formula proposta dai Bitcoin, in modo tale da cercare nuovi investitori e nuove funzioni. Ormai siamo nel boom della nascita delle criptomonete ma dobbiamo saper riconoscere le criptomonete inutili da quelle utili, questo perchè ogni volta che compreremo una criptomoneta, sarà comunque un investimento. Una delle monete digitali che può essere definita come una promettente concorrente è il Peercoin, una criptomoneta che ha permesso di cambiare in meglio la visione delle criptomonete.

Cos’è il Peercoin

Il peercoin è la prima moneta Proof-of-Stake del mondo, ovvero il fatto di possedere peercoin all’interno del wallet ci permetterà di guadagnare qualcosa derivante dai fee della rete. Per dare un quadrò più preciso, i Peercoin vengono minati grazie alla classico metodo Proof of Work ma per poter garantire la circolazione di nuova moneta, pur essendo di quantità limitata, vengono coniate grazie al metodo del Proof-of-Stake. I Peercoin sono stati creati per durare nel tempo, per essere distribuiti equamente attraverso un metodo efficiente ed ecologico. Rispetto al Bitcoin, i Peercoin sono più innovativi e tendono a  risolvere alcuni problemi derivanti dall’esperienza del Bitcoin stesso.

Cosa c’è da sapere sul Peercoin

Il Peercoin non appartiene alla categoria di criptomonete definita gonfia e vendi, ovvero tutte quelle criptomonete che sono state create solo per guadagnare alla fine Bitcoin. Non è assolutamente un clone del Bitcoin anche se gli sviluppatori ammettono di essersi basati sul codice del Bitcoin ma sono riusciti a proporre una criptomoneta diversa con funzioni diverse come per esempio il fatto che il Peercoin si può coniare.

La tecnica del Minting, ovvero coniare (Proof-of-Stake) il Peercoin è una delle più intelligenti novità per poter ridistribuire la moneta attraverso la rete e a differenza del Bitcoin, non saranno i minatori a riceverne i benefici ma saranno tutte quelle persone che conserveranno (senza spendere) una quantità di Peercoin.

Una delle caratteristiche più importanti che deve possedere una criptomoneta è una comunità attiva, anche se la sezione dedicata alla lingua italiana è povera di post utili, questo perchè nel nostro paese non ha saputo attirare un po’ l’attenzione.

Per quanto riguarda il Wallet, il peercoin ha una funzione molto simile a quella dei Bitcoin, quindi se sapete utilizzare un Bitcoin wallet, allora sarete in grado di utilizzare un Peercoin Wallet senza problemi

Tagged under: , , , ,

1 Comment

  1. Pingback: Minting: come coniare il Peercoin

Lascia un commento

Back to top